Il Forte di Bard

La fortezza sovrasta il piccolo borghetto di Bard nella Valle d’Aosta. Grande fu la gioia quando scorsi in fondo alla statale l’immenso complesso architettonico; era sulla mia personalissima e affatto segretissima lista dei posti da visitare. Sarei dovuto andare d’estate, ma una serie di eventi ha fatto sì che posticipassi la visita per il mese di ottobre.

Eppure mi preparai per la giornata negli ultimi minuti che avevo a disposizione, fino a poco prima che John venisse a prendermi in macchina; nella mia testa sapevo esattamente cosa prendere nello zaino, quali scarpe mettere e cosa preparare per il pranzo a sacco. Me bastarono 10 minuti per essere pronta.

Parlai per tutto il tragitto, cosa insolita, dovuta forse al desiderio che stava diventando realtà km dopo km. Di solito nella maggior parte dei percorsi in macchina mi atteggio a personaggio taciturno e misterioso che preferisce ammirare il paesaggio fuori dal finestrino immaginando se stessa protagonista di storie inventate che diventano film immaginari a tempo di musica che sul momento viene mandata alla radio.

Ebbene sì, potevo allegramente spuntare il Forte di Bard dalla lista dei posti da visitare.

Come prima cosa, rimasi incantata dall’acqua del fiume Dora Baltea alle pendici del monte su cui ergeva la fortezza. Limpida e di un colore che se il Monte Bianco avesse una tavolozza di colori da artista avrebbe mischiato l’azzurro e il verde chiaro per ottenere il colore acqua-cielo.

425728120_87703_17087848213451887176
Photo made by me

“I never needed you like I do right now
I never needed you like I do right now
I never hated you like I do right now
‘Cause all you ever do is make me…”

Sulla stradina pedonale che porta al piccolo borgo di Bard sono ancora presenti cartelloni in ricordo dei supereroi della Marvel protagonisti del film The Avengers: Age of Ultron che è stato girato proprio in questa località qualche anno fa. Caso vuole che fossimo ancora in tempo per la mostra dedicata ai costumi da scena dei protagonisti dei film.  (E mentre scrivevo questo paragrafo ho già progettato di rivedermelo nella serata!!!)

426335848_134450_6534732097161392873.jpg
Photographer Nico Virlan/John*

Per salire alla biglietteria bisogna prendere una serie di ascensori panoramici di cui si può usufruire gratuitamente a patto che si rispetti la capienza in numero di persone. Avevo notato che da un piano all’altro, molto educatamente e strategicamente le persone puntavano ad arrivare per prime alle porte dell’ascensore successivo in modo da poter prendere i posti che permettesse una visuale gradevole sulla vallata. Ha ha!

425725279_239911_1890967828957270813
Photographer Nico Virlan
425730685_239824_4148093492607784306
Photographer Nico Virlan

Prendemmo i biglietti per tutte le mostre temporanee (Marc Chagall – La Vie, Elliott Erwitt – Retrospettive) e il museo permanente, Il Museo delle Alpi. Cominciammo la visita da quest’ultimo. Se le aspettative erano orientate vero un vecchio museo non modernizzato da qualche decennio, queste vennero smentite dalla prima occhiata all’interno dal primo corridoio del museo. Inutile dilungarsi in cosa ci fosse dentro e cosa ci fosse rappresentato, il nome del museo penso sia piuttosto esplicito “delle Alpi”; in aggiunta alla descrizione geografica delle montagne del luogo, anche una breve panorama sulla storia, le leggende, la fauna ect.

Le mostre cui abbiamo fatto visita erano fatte benissimo e curate nei dettagli. Ho trovato molto simpatica l’idea di associare ad ogni mostra/museo il colore di una spilla che indicava l’aver acquistato alla cassa il diritto di fotografare le opere/allestimenti.

Nel cortile dietro la biglietteria è presente un bar e diverse aree ristoro. Io e John preferimmo però prenderci il pranzo da casa e favorire una volta finita la visita. Non calcolammo il tempo a dovere e finì che mentre scendevamo dalla fortezza, ci venne fame. Oltre ad essere stanchi ormai, il non aver preso nulla di commestibile dentro la borsa in spalla non fece che fornirci un’ulteriore ragione per arrivare il prima possibile alla piccola dispensa di cibarie dentro la macchina.

dsc_0040

Costi: un biglietto comprensivo di museo e mostre temporanee euro 15,00 / se invece in possesso del abbonamento Torino Musei il tutto non comporta alcun costo aggiuntivo

Link il complesso monumentale: 

http://www.fortedibard.it/il-forte/complesso-monumentale

*WWW.instagram.com/nico_virlan/

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s